Condividi su:



Musica popolare del Salento

La musica ed il ballo rivestono un ruolo particolare nella tradizione salentina, essendo espressione della cultura e della storia di questo popolo.

Vi indichiamo questo utile link per partire con la Vostra ricerca generica di:

Iniziando a parlare di Pizzica e di tradizioni possiamo affermare che durante tutto l'anno i migliori gruppi popolari salentini, durante le feste d'estate e nel Festival della Notte della Taranta recuperano la tradizione popolare lasciandosi trascinare dai ritmi frenetici della pizzica, ballo che coinvolge un po' tutti.

Emma Marrone e Alessandra Amoroso ballano la Pizzica

 

L' origine della Pizzica e di queste danze si fa risalire alla fine del 1400.
Si tratta di una vera tarantella popolare della quale è possibile distinguere varie tipologie:

è una danza tipicamente femminile con la quale si evoca il mito, vissuto drammaticamente,  del morso della tarantola  che rende "furiose" le donne fino a farle danzare freneticamente per liberarsi dal male interiore.

  • La “pizzica-pizzica”, invece il mito evocato, vissuto gioiosamente, è quello del duello rusticano, la lotta dei coltelli, certo molto frequente nei rapporti di forza tra gli uomini del passato.
  • “La danza delle spade” è un'originale forma di danza che deriva certamente da un antico rito di sfida al coltello praticato dagli uomini litigiosi che si incontravano durante le fiere e i mercati.
    L'origine del duello è naturalmente da ricercarsi nei tipici regolamenti di conti fra uomini appartenenti alle famiglie d'onore ed in genere tra quelle categorie di persone abituate a risolvere in modo diretto le discussioni e le liti.

Col tempo il duello, che mirava esclusivamente al ferimento e all'eliminazione dell'avversario, si è trasformato in una pura azione dimostrativa.

Video della notte del 15 Agosto, a Torre Paduli di Ruffano 

Nel Salento, almeno una volta, esistevano delle "tarantate", donne di un tempo, neppure troppo lontano, che durante la stagione estiva, nei giorni del raccolto, curve in due sulle ginocchia, venivano "pizzicate" dal ragno, dalla cosiddetta taranta.

E con il morso la crisi:

  • forti dolori addominali
  • sensazione di spossatezza
  • necessità di restare a letto.

Fino a quando qualcuno non riconosceva l'origine del male e ne indicava la cura: bisognava chiamare l'orchestrina, suonare e indurre la malata a "ballare".

Il ragno diventa l'espediente di una sofferenza repressa, mai vinta:
la sofferenza di chi lavora la terra, di individui ai margini del vivere sociale, che nel ragno della taranta e nel ballo trovano l'unica occasione per porsi al centro dell'attenzione, per dar libero sfogo alle frustrazioni.

Il ragno è l'idea della terra madre, è la forza di rituali antichi, non vinti dal Cristianesimo.

Già nel '700 la Chiesa tentava di dare un significato cristiano al tarantismo;
ogni 28 e 29 giugno i tarantati salentini sono "costretti" a ripetere la loro danza il giorno di San Paolo, all'interno della chiesa di Galatina.

Le pizzicate dalla Taranta chiedono la grazia al Santo, ed alla fine della danza frenetica, sperano che l'anno successivo non debbano più ballare.

Per informazioni aggiuntive cliccate su itinerario sul tarantismo.